Seleziona una pagina
Kion Group segna un -40% in 1 settimana dopo il profit Warning: trappola o opportunità?

Kion Group segna un -40% in 1 settimana dopo il profit Warning: trappola o opportunità?

Kion Group, il secondo produttore mondiale di carrelli elevatori (e non solo) ha subito una forte variazione negativa di circa il 40% dopo il profit warning.

Se estendiamo il grafico del titolo invece possiamo constatare che la società ha perso circa l’80% del suo valore da inizio anno.

Andiamo però per gradi e cerchiamo di comprendere meglio la situazione.

Chi è Kion Group?

Il gruppo Kion nasce nel 2006 dalla scissione delle attività di produzione di carrelli elevatori e movimentazione di materiali dal gruppo Linde.
La società è un fornitore di carrelli industriali, servizi correlati e soluzioni di supply chain (gestione della catena di distribuzione).
La compagnia tedesca è attiva in oltre 100 paesi e le sue attività sono suddivise in tre segmenti diversi: camion e servizi industriali, soluzioni di supply chain e servizi aziendali.

L’offerta è molto ampia, comprendendo: carrelli elevatori, tecnologi di magazzino, carrelli controbilanciati, veicoli da rimorchio, camion automatici e camion autonomi.


La società opera attraverso 4 marchi principali: Linde, Still, Demetic e Baoli.


Kion è il secondo produttore al mondo per quanto riguarda i carrelli elevatori e il primo a livello europeo, dato da valutare con estrema attenzione data la tendenza delle quote di mercato (di questo settore) ad essere molto stabili nel tempo a causa del forte grado di personalizzazione del prodotto e per l’importanza dell’assistenza post vendita.

Primo semestre 2022

KION GROUP AG ha chiuso la prima metà dell’anno finanziario 2022 con una buona raccolta di ordini e ricavi.

Tuttavia, il risultato operativo del gruppo intralogistico è stato influenzato nei primi sei mesi di quest’anno dal forte aumento dei costi di materiali, energia e logistica e dalle continue interruzioni nelle catene di approvvigionamento.

Inoltre, ci sono stati più blocchi Covid, che hanno colpito in particolare la regione asiatica.

La guerra in Ucraina ha ulteriormente esacerbato la situazione nel secondo trimestre del 2022. Il gruppo KION ha già completamente interrotto tutte le consegne di prodotti in Russia e Bielorussia in entrambi i segmenti operativi nel primo trimestre, inclusa la fornitura di pezzi di ricambio e servizi correlati.

Nella prima metà del 2022, l’acquisizione di ordini del Gruppo KION è aumentata del 13,1% a 6,655 miliardi di euro (anno precedente: 5,882 miliardi di euro). Questo livello di slancio è continuato nel secondo trimestre, anche a causa del proseguimento di forti tendenze di crescita nel settore dell’intralogistica (commercio online, urbanizzazione, cambiamento demografico e aumento delle esigenze dei clienti in termini di velocità di consegna). 

Gli effetti valutari hanno avuto un impatto positivo di € 179,2 milioni sul valore degli ordini ricevuti dal Gruppo KION. 

Il portafoglio ordini è ulteriormente aumentato nel secondo trimestre e ammontava a 7,941 miliardi di euro a metà anno (fine 2021: 6,658 miliardi di euro). Oltre all’elevato volume di nuovi ordini, fattori cruciali in questo caso includevano i tempi di consegna significativamente più lunghi per i carrelli industriali nel segmento Industrial Trucks & Services.

Con 5,537 miliardi di euro, il fatturato del Gruppo è stato dell’11,4% in più rispetto a metà 2021 (4,968 miliardi di euro). Come nel trimestre precedente, l’aumento dei ricavi è ancora dovuto principalmente al portafoglio ordini dell’anno precedente e allo sviluppo positivo del business dei servizi. Complessivamente, rispetto all’anno precedente, la quota dei ricavi del Gruppo provenienti dai servizi è aumentata al 40,5 per cento (anno precedente: 40,0 per cento). I ricavi del Gruppo sono stati positivamente influenzati da effetti valutari per complessivi € 190,7 milioni.

Il crollo dei margini

L’utile netto del gruppo è crollato di quasi il 50% in questi primi 6 mesi dell’anno.

Analizzando nello specifico il bilancio ho notato come la crescita dei ricavi sia andata di pari passo con la crescita delle spese generali di amministrazione e di vendita.

Quello che ha influito in maniera negativa è ovviamente l’aumento del costo del venduto.

Il totale dei costi sostenuti è aumentato del 13,5%, derivante dal 16,7 % dal costo del venduto e da un +8,8% delle spese generali, amministrazione e di vendita.

Questa situazione potrebbe ovviamente perdurare nei prossimi mesi e “troncare” i nuovi ordini e quindi peggiorare la situazione margini (che è comunque sostenuta dai nuovi ricavi).

Aspetti positivi e possibili evoluzioni del business

KION è un’azienda molto matura con sinergie già sviluppate e capacità di soluzioni chiavi in ​​mano, con 2.100 sedi di vendita e assistenza in un mercato di 100 paesi. I suoi ricavi sono molto incentrati sull’EMEA, con solo il 27% nelle Americhe e l’11% in APAC, lasciando ampio spazio all’espansione industriale.

L’azienda dispone di oltre 8.000 sistemi installati in esecuzione presso le sedi dei clienti e dispone attualmente di 1.600.000 camion in funzione sul campo.

Inoltre, ha una suddivisione delle vendite e dei servizi molto interessante, con il 41% delle entrate dell’azienda orientato ai servizi.

L’azienda ha applicato una strategia di crescita 2027E basata su una serie di leve, tra cui, a titolo esemplificativo:

  • Ampliare le capacità di produzione in Polonia e Cina
  • Ampliare la gamma di prodotti
  • Ampliamento delle capacità di vendita in NA/CH
  • Nuova generazione di camion, compresi i camion connessi
  • Ampliare le offerte di automazione mobile, con il software come fattore di differenziazione.
  • Ingenti impegni di ricerca e sviluppo nei settori dell’energia, del digitale e dell’automazione, con le tecnologie delle celle a combustibile e l’IA
  • Adattare i costi indiretti, aumentare la flessibilità e ottimizzare la capacità produttiva.

La situazione del business di KION è solida.

Essa beneficia delle tendenze strutturali e dei fattori trainanti della domanda come dati demografici e soluzioni sostenibili, è in una buona posizione per crescere a causa dell’aumento della domanda nella movimentazione dei materiali e degli investimenti in nuove tecnologie. È già nel campo dell’ESG sostenibile con i suoi contributi di servizi e soluzioni e spinge per l’efficienza energetica.

Nonostante ci sia una situazione pessima dal punto di vista macro e geopolitico, nel complesso, gli obiettivi di crescita e le aspettative del mercato a lungo termine sono sostanzialmente intatte.

Il 2Q22 lo ha confermato, nonostante sia stato fortemente influenzato dalla situazione macro.

L’EPS è sceso di quasi il 50% e la società ha chiarito che quest’anno verranno pubblicate nuove prospettive.

I problemi principali sono come ci si potrebbe aspettare: inflazione, approvvigionamento e input, nonché sfide della catena di approvvigionamento. L’azienda sta affrontando tutti questi problemi.

KION IR
KION IR

Nonostante i problemi, la società ha registrato un aumento della quota di mercato all’inizio del 2022 e, nonostante il rallentamento dello slancio nel 2° trimestre 22, questo sviluppo complessivo non è ancora cambiato del tutto, con guadagni di quota di mercato quasi a due cifre nelle Americhe e una solida acquisizione di ordini almeno per le Americhe . 

L’attuale portafoglio ordini della società garantisce più di un anno di nuovi ricavi commerciali e potrebbe essere di per sé sufficiente a garantire la società per il periodo 2023-2024E.

Inoltre, la pipeline per il segmento a più alto margine della società rimane molto interessante.

KION IR
KION IR

Perché qualunque cosa faccia il mondo, questi sono servizi e “cose” di cui il mondo ha bisogno

I driver strutturali della domanda per il segmento SCS sono completamente intatti e i margini EBIT non sono nemmeno scesi al di sotto del 7% per il 2Q22.

Le variazioni del margine YoY sono ancora enormi, ma questo si normalizzerà una volta che le catene di approvvigionamento si normalizzeranno a loro volta. Ovviamente riuscire a stabilire il lasso temporale nel quale questo possa avvenire è complesso: ci troviamo all’interno di una crisi economica di ampio spettro che ha colpito e colpisce tutt’ora svariati segmenti dell’economia.

Nel mio prossimo focus azioni (il mio piccolo servizio di analisi mensile) andrò a ricalcolare con precisione il valore intrinseco del titolo.

Ma dal mio punto di vista la valutazione attuale di 2,7 miliardi di euro sconta un perdurare della situazione ed è accentuata anche dal livello debitorio (non a livelli eccessivi).

Se la società reggerà la situazione e troverà delle modalità di taglio dei costi e di ottimizzazione del business il mercato potrebbe rivalutare il business e la società.

Ci tengo a precisare che questa non è una sollecitazione all’acquisto!

Un ETF che potrebbe  rimbalzare del 50% in caso di miglioramento dell’attuale situazione macro

Un ETF che potrebbe rimbalzare del 50% in caso di miglioramento dell’attuale situazione macro

Una delle nazioni più in difficolta dal punto di vista energetico è sicuramente la Germania.

Tutte le dinamiche post covid-19 e la scoppio del conflitto Russia-Ucraina hanno impattato in modo molto negativo l’economia Tedesca, soprattutto nel segmento industriale.

Insieme al mio socio @arzilli_andrea abbiamo valutato e discusso di questo ETF:

iShares MDAX UCITS ETF

ISIN : DE0005933923

Il calo dell’ETF da inizio anno è di circa un – 32%.

L’ETF presenta una dimensione di 1.085 mln e un TER(indicatore sintetico di spesa) pari allo 0,51%.

La dimensione è più che accettabile, per quanto riguarda invece il TER dal mio punto di vista è un po’ altino ma in linea con un settoriale.

Le prime 10 aziende in portafoglio:

DELIVERY HERO AG ORD: è una multinazionale tedesca attiva nel settore alimentare, con sede a Berlino.

RHEINMETALL ORD: è una azienda tedesca produttrice di armi da fuoco. Ritenuta la maggiore industria tedesca nel campo degli armamenti.

SIEMENS ENERGY AG ORD: divisione energia di Siemens AG

COMMERZBANK AG: Commerzbank Aktiengesellschaft è la quarta più grande banca della Germania, con sede a Francoforte sul Meno, fondata nel 1870 ad Amburgo.

LEG IMMOBILIEN AGD: è una società immobiliare Tedesca .La società è stata fondata come fornitore di alloggi operante nel Land tedesco del Nordrhein-Westfalen

GEA GROUP ORD : è una società tedesca, attiva principalmente nel settore alimentare e delle bevande, con sede a Düsseldorf

LUFTHANSA ORD: è la principale compagnia aerea tedesca e terza compagnia aerea nel mondo.

CARL ZEISS MEDITEC ORD : La Carl Zeiss Meditec AG è una società tedesca che opera in ambito della tecnologia medica. Fa parte del gruppo madre Carl Zeiss AG di Jena

EVONIK INDUSTRIES : Evonik Industries è un gruppo industriale con sede a Essen, nella Renania Settentrionale-Vestfalia, in Germania, ed è una delle principali società di prodotti chimici specializzati di tutto il mondo, di proprietà della RAG Stiftung.

I motivi del calo

La Germania sta portando avanti, da anni, un piano ben definito:

  • Una buona parte dell’energia è prodotta da fonti rinnovabili
  • La restante parte è colmata, fintanto che le rinnovabili non basteranno, da fornitori più economici, in primis la Russia.

Fornitori a basso costo, come la Russia, hanno permesso alla prima potenza industriale europea, di produrre a costi convenienti.

Possibile ripresa

L’ETF è esposto per lo più a settori estremamente energivori (su tutti l’industria), tuttavia 3 aspetti chiave ci suggeriscono che l’industria sopravviverà alla crisi:

  • La Germania , dato il basso debito pubblico, ha un ampio margine di manovra per sostenere le aziende
  • L’industria tedesca è vitale per l’economia europea, e il supporto potrebbe giungere dagli alleati (in primis la Francia)
  • Per la stessa Russia la Germania è un cliente fondamentale, almeno nel breve medio termine

Se anche semplicemente dovesse ritornare ai livelli pre-crisi la performance sarebbe del 50%.

Scopri il mondo della consulenza finanziaria indipendente : contattami pure sulla mia mail andrea.troiani971@gmail.com

Ho fondato Aurum SCF!

Ho fondato Aurum SCF!

Come si evince dalla foto, AURUM SCF è nata ed è stata fondata, oltre che dal sottoscritto, da altre 3 figure professionali:

Nelson Rizzitiello, Andrea Arzilli e Federico Airoldi.

Il nostro obiettivo

Superare il vecchio concetto di consulenza uno a uno e sostituirla con un rapporto 4 a 1!

Immaginate di avere a disposizione, per ogni vostro dubbio, quattro figure professionali con una diversa specializzazione.

Prima di descrivervi AURUM SCF voglio elencarvi una serie di caratteristiche dei consulenti finanziari indipendenti:

1. Chi è il Consulente Finanziario Indipendente?

Il Consulente Finanziario Indipendente è una figura professionale che opera in totale autonomia e senza alcun conflitto di interesse, il suo datore di lavoro è esclusivamente il Cliente, in quanto non ha mandato da Banche o Assicurazioni.

2. Come è remunerato un Consulente Finanziario Indipendente?

Il Consulente Finanziario Indipendente è remunerato esclusivamente tramite parcella, e non attraverso provvigioni dalla vendita di strumenti finanziari, in questo modo è libero di fare gli interessi del Cliente, e non deve limitarsi a consigliare solo i prodotti della sua mandante (banca o assicurazione), di norma più onerosi per il Cliente. In questo modo i promotori tenderanno sempre a inserire strumenti più costosi possibile e più remunerativi per loro stessi.

La parola al TEAM di AURUM SCF:

Andrea Troiani

Il mio approccio ai mercati finanziari e all’investimento in singole azioni inizia da molto giovane, a 17 anni. Da subito appassionato alle analisi di tipo fondamentale,  al “Value Investing”, ai criteri di selezione dei singoli titoli, in modo razionale, oggettivo, metodico e sempre con uno sguardo al lungo termine.

Con il passare del tempo, approfondendo le conoscenze e le competenze – e aiutato dalla lettura di oltre 35 libri sulle analisi e sulle valutazioni di stocks aziendali, ho deciso di scrivere personalmente due libri sull’argomento, per contribuire anch’io a questa splendida disciplina e materia: il primo sulla valutazione quantitativa e il secondo sul calcolo del valore intrinseco.

A seguito di una collaborazione, molto formativa ed entusiasmante,  in una Sim indipendente, fondamentale per comprendere il settore, i rischi, i difetti, i vantaggi e il metodo di lavoro, ho deciso di puntare sulla consulenza finanziaria indipendente.

In questo frangente ho conosciuto Federico, Andrea e Nelson con la quale ho condiviso idee di lavoro e valori… da qui l’idea di fondare AURUM SCF.

Federico Airoldi

Sono cresciuto circondato da numeri. In famiglia non abbiamo mai parlato di politica, ma di realtà imprenditoriali, comunicative, risultati, fallimenti, migliorie. Questo mi ha permesso di fondare e amministrare una società per 10 anni, in ambito odontoiatrico, aumentando nel tempo il numero di collaboratori, pazienti, soddisfazioni e obiettivi.

È inutile nasconderlo: chi di voi ha mai chiamato il dottore semplicemente per fargli un saluto? Probabilmente nessuno. Per questo motivo, avendo trattato temi molto delicati in ambito sanitario, sono abituato a dedicarmi in egual maniera a tutte le necessità del cliente: non solo in ambito patrimoniale, ma affrontando al meglio l’aspetto psicologico, conoscitivo e quindi realizzativo dei loro obiettivi.

Mi piace quindi creare il rapporto di fiducia, fondamentale ed essenziale, che deve scaturire tra professionista/cliente per aiutarlo e assisterlo nel corso del tempo.

La passione finanziaria, che ho sempre avuto, mi ha convinto a intraprendere il percorso che mi ha permesso di diventare Consulente Finanziario Autonomo, libero di poter consigliare il meglio per i miei clienti, senza conflitto d’interessi. Chi andrebbe da un dottore che consiglia un farmaco per un suo tornaconto economico, piuttosto che il bene del paziente?

Con noi, questo non può succedere.

Nelson Rizzitiello

​​Da più di vent’anni frequento il mondo dello sport professionistico. Per questo motivo ho raccolto molte esperienze e soddisfazioni, su tutto il territorio italiano, che mi permettono di comprendere e aiutare gli sportivi nella loro vita patrimoniale. Nella vita, come nello sport, pianificare gli obiettivi è fondamentale per il raggiungimento dei  traguardi che ogni persona si prefigge.

Per ottenere i risultati dobbiamo dedicarci al sacrificio, alla costanza e alla pianificazione della nostra situazione patrimoniale. Dobbiamo farlo partendo dalle basi, per poi crescere e migliorare le competenze. I risultati li vedremo alla fine della competizione.

Non si può iniziare a correre partendo da una maratona di 42 km. Se avessi iniziato all’età di 18 anni, quando ho percepito i primi stipendi da giocatore professionista, oggi avrei avuto una sicurezza maggiore  a livello finanziario.  Il dettaglio fondamentale e importante che vorrei comunicare  è quanto sia importante risparmiare per raggiungere una serenità finanziaria, sia che si tratti di un singolo investitore o di un nucleo familiare. Mi piace aiutare le persone a risolvere i loro problemi e a raggiungere i loro obiettivi.

Come nello sport, allenarsi è fondamentale.

Andrea Arzilli

Da sempre appassionato del mondo finanziario, dei suoi aspetti gratificanti, dalle sue modalità – e soprattutto dalla sua personalizzazione.

Successivamente alla Laurea in materia Economica, ho iniziato a fare un lungo praticantato presso una grossa realtà, dove ho approfondito molti ambiti della sfera patrimoniale, dalle successioni alle assicurazioni, analisi macro-economiche, fino all’analisi dei singoli strumenti finanziari.

Ad oggi ho l’esperienza tale che mi permette di valutare le richieste astratte ed implicite dei Clienti, trasformandole concretamente in portafogli personalizzati, con strumenti finanziari selezionati, sulle loro necessità.”

Qual è il nostro approccio con i clienti? (fase operativa)

Dopo un primo incontro conoscitivo e un’analisi (se necessaria) della posizione finanziaria del cliente, iniziamo tutta la fase di studio della sua situazione e attraverso vari colloqui arriviamo ad una proposta personalizzata.

Si tratta quindi di portafogli specifici e mai generici. Crediamo fortemente che ogni persona sia diversa e necessiti di strumenti differenti.

Le persone non sono dei numeri alla quale attribuire un semplice profilo di rischio.

Come operiamo sui mercati: le nostre regole

Utilizziamo i migliori strumenti disponibili sul mercato ed i meno costosi, non avendo conflitti d’interesse e nessun datore di lavoro ogni singola scelta sarà dettata da studio e dati oggettivi.

Gestiamo i soldi dei nostri clienti con un elevato grado di protezione e diversificazione.

Si ma quanto mi costa questo servizio così specifico?

Il costo medio di un portafoglio italiano gestito da banche o assicurazioni si avvicina al 2,3%, la nostra consulenza (che copre tutte le sfere patrimoniali come ad esempio la previdenza e il tema successorio) ha un costo inferiore di circa il 60-70%.

Questo si traduce in maggiore efficienza e rendimenti maggiori (a parità di rischio) sul lungo termine

Contattaci per un’analisi gratuita del tuo patrimonio su aurum.segreteria@gmail.com

Come puoi creare un portafoglio d’investimento per tuo figlio?

Come puoi creare un portafoglio d’investimento per tuo figlio?

Non aspettare e non essere indeciso, il più grande errore che puoi commettere è l’attesa.

Se infatti stai pensando di iniziare ad investire qualcosa per tuo figlio appena nato, il più grande vantaggio che hai è il tempo.

Mediamente hai 18 anni di tempo (anche se non è detto che tuo figlio utilizzi quel capitale a 18 anni) e grazie a tutto questo tempo puoi sfruttare l’interesse composto e la possibilità di inserire una quota di azionario preponderante, dato il lungo orizzonte temporale.

Gli aspetti sono principalmente due:

I costi e l’efficienza di uno strumento.

Pagare il 2% all’anno per 20 anni o lo 0,2% per 20 anni fa tutta la differenza del mondo:

se volete il dato numerico la differenza di rendimento è del 36%.

Quindi semplicemente scegliendo un ETF, rispetto ad un fondo attivo sai già che risparmierai decine e decine di migliaia di euro.

Il secondo aspetto è quello relativo all’efficienza dello strumento, se abbiamo compreso quanto sia importante preferire un ETF, dobbiamo allora tenere conto della tipologia.

Sicuramente, nei prossimi 20 anni un determinato settore avrà fatto meglio di altri e sicuramente un ETF settoriale avrà battuto, in termini di rendimento, un ETF che investe globalmente.

Ma nonostante ciò il rischio di non trovare l’ETF giusto è troppo alto rispetto al possibile rendimento:

Cosa fare quindi?

Scegliere un ETF che investe nel mercato globale, come il
ISHARES MSCI WORLD ( IE00B4L5Y983)

Se poi vogliamo che il nostro investimento abbia una volatilità inferiore, rispetto ad un 100% azionario, perché magari potremmo voler ritirare parte del capitale in un determinato momento, possiamo optare per un altro tipo di strumenti:

I life strategy di Vanguard

Un esempio è il Vanguard LifeStrategy 80% Equity Acc (IE00BMVB5R75), esistono anche strumenti con una componente di azionario inferiore (questa scelta dipende esclusivamente da noi).

Una volta presa questa decisione dovete essere constanti e cercare ogni mese di investire la cifra predefinita (a prescindere dai movimenti del mercato azionario)

Alla fine del percorso vostro figlio vi ringrazierà e soprattutto a fronte di una rinuncia (non così elevata) potrete creare un capitale utile al futuro di vostro figlio.

Seguimi su instagram!

Consulenza finanziaria indipendente

Consulenza finanziaria indipendente

Investo attivamente sui mercati da quando ho 17 anni, ho sempre avuto la passione per l’analisi fondamentale e lo studio dei singoli titoli azionari.

Il mio portafoglio, come ben sapete è investito in azioni (o pezzi di azienda come preferisco chiamarli).

Se questa strategia è adatta a me, non lo è per la maggior parte dei risparmiatori italiani.

Otto anni fa il sistema finanziario Italiano era molto simile a quello di oggi: vendita di prodotti finanziari.

L’enorme conflitto d’interessi che si cela dietro la “consulenza” bancaria e assicurativa ha sempre determinato la tipologia di strumenti usati dai risparmiatori italiani.

Grazie però alla nascita nel 2018 dell’albo dei consulenti finanziari indipendenti la situazione sta leggermente cambiando.

Ho sempre compreso come l’indipendenza fosse il punto chiave della consulenza, essere remunerati in base al tipo di prodotto venduto e non direttamente dal cliente genera e sempre genererà portafogli inefficienti e sbilanciati verso gli strumenti più remunerativi per il consulente.

Immaginate di andare da un medico che vi consiglia i farmaci sulla quale guadagna di più e non quelli più adatti alla vostra situazione, quanto sarebbe grave?

E’ altrettanto grave per le vostre finanze.

Polizze Unit Linked e strumenti pieni di costi ne sono la dimostrazione.

Non c’è nulla di male ad usare strumenti diversi da ETF o similari (l’accusa che viene fatta agli indipendenti), il problema è sempre l’indipendenza di giudizio slegata da quella della remunerazione.

Mi sono accorto come sia effettivamente possibile la creazione di portafogli efficienti di investimento che fanno in primis risparmiare un sacco di soldi alle famiglie ed in secondo luogo migliorano e di molto l’efficienza e la possibilità di generare un rendimento positivo sul lungo termine.

Inoltre il bello della consulenza indipendente è che copre tutti i fabbisogni del cliente, finanziario, assicurativo e previdenziale.

Con una sola figura un risparmiatore italiano può gestire tutte le sua problematiche finanziarie e non.

E quanto costa questo servizio?

Molto meno della consulenza alla quale sono abituati gli italiani:

il costo medio di un portafoglio d’investimenti italiano è all’incirca del 2% (per avere una vendita di prodotti e non una consulenza reale).

Grazie all’indipendenza è possibile tagliare questi costi di oltre il 60%, tutti capitali che si trasformeranno in rendimento un giorno.

In questi mesi sto assistendo ad un forte aumento dell’interesse verso la figura del consulente indipendente, pensate che negli Stati Uniti i consulenti indipendenti sono il 50% del mercato, in Italia siamo all’1%.

Non so quanto ci metteremo ad arrivare al livello statunitense ma il trend è quello.

A breve ci sarà una novità riguardo la struttura che ho creato in questo 2022 (il mio lavoro non è cambiato ma è sensibilmente migliorato).

Se vuoi fare due chiacchiere su questa tematica o farti analizzare gratuitamente il portafoglio scrivi pure alla mia mail: andrea.troiani971@gmail.com.

Oppure seguimi su Instagram!

O prenota un appuntamento presso il mio studio in Viale Angelico 36, Roma.

Ecco come le banche italiane fingono di usare i migliori strumenti sul mercato!

Ecco come le banche italiane fingono di usare i migliori strumenti sul mercato!

Da decenni l’industria del risparmio gestito in Italia non ha subito nessun tipo di evoluzione.

Le banche e le assicurazioni hanno dominato il mercato di questo settore inondando i risparmiatori italiani di commissioni e strumenti assolutamente inefficienti.

Con il nuovo albo dei consulenti finanziari autonomi (gli indipendenti) la situazione è in procinto di cambiare radicalmente.

Il consulente finanziario è in individuo che non ha nessun tipo di mandato e non lavora per nessun mandante. Egli non guadagna un euro dalle commissioni sugli strumenti e quindi non è sollecitato a scegliere strumenti più costosi.

Dato che mi piace sempre mostrare i dati vi riporto una tabella a mio avviso molto significativa:

In questa tabella possiamo osservare come le più famose banche italiane tendono ad utilizzare, per lo più, strumenti della casa, evitando di utilizzare quelli di case terze.

Vi starete chiedendo i motivi di tale scelta e vi posso assicurare che non sono attribuibili alla loro credenza di essere i migliori nel settore.

Ma è solo per un aspetto commissionale.

Se si distribuiscono strumenti della casa c’è più introito per tutti: dal consulente alla banca stessa.

Questo è il principale problema delle banche italiane (per non parlare della costruzione dei portafogli).

Tu hai ancora un portafoglio bancario?

Prenota una Call gratuita e analizziamo insieme il tuo portafoglio.

Da consulente indipendente avrai la certezza che ogni mia possibile valutazione sia libera e priva di conflitti d’interesse.

Scrivimi pure alla mia mail : andrea.troiani971@gmail.com